Quale Europa? Le Aree Interne e la futura Politica di Coesione

A inizio giugno si svolgeranno le elezioni europee, un appuntamento importante per disegnare il futuro del nostro continente. Tra le diverse visioni, programmi e posizioni che animano il confronto politico, il Forum Disuguaglianze e Diversità sceglie di dare un contributo informativo e di confronto a supporto di un’idea di Europa che metta al centro la giustizia sociale e ambientale e la pace. Lo fa attraverso la pubblicazione del libro “Quale Europa – Capire, discutere, scegliere” a cura di Elena Granaglia e Gloria Riva, che saremo lieti di presentare il prossimo 16 maggio allo Spazio Brizzolari di Scarperia (Fi). 

Durante l’evento dialogheremo con una delle autrici, Sabina De Luca, che nel libro ha curato insieme a Fabrizio Barca il contributo dal titolo “Coesione: obiettivo e strumento che dà senso all’Unione”. Da qui prenderemo spunto per parlare di politiche sensibili alle persone nei luoghi e aree interne. Con noi il Sindaco di Marradi e Consigliere della Città Metropolitana con delega alle aree interne Tommaso Triberti

L’incontro è promosso all’interno di Place Out! progetto Erasmus+ coordinato da LAMA, che mira ad attivare il dialogo tra giovani e istituzioni attraverso un percorso di capacity building, al fine di incrementare l’attuazione di politiche giovanili per la rigenerazione sostenibile dei territori non urbani dell’UE.

“Quale Europa? Le Aree Interne e la futura Politica di Coesione”
Giovedì 16 maggio, ore 18.00 – Spazio Brizzolari, Viale Kennedy 188, Scarperia e San Piero (Fi)

Intervengono: 
_Sabina De Luca, Forum Disuguaglianze e Diversità
_Tommaso Triberti, Sindaco di Marradi 
_Alessandra Zagli e Stefano Malevolti, LAMA Impresa Sociale

L’evento è gratuito, per confermare la propria presenza vi chiediamo di registrarvi tramite link Eventbrite.

Il libro 

Attraverso 13 contributi di altrettanti autori e autrici interni o vicini al Forum Disuguaglianze e Diversità, il libro auspica un’Unione Europea che promuova il welfare universale senza essere limitata dall’austerità, dove la conoscenza e i dati siano accessibili alle comunità, nella quale si cerchi un’accelerazione della trasformazione ecologica per favorire un modo di vita e di lavoro più giusto, con politiche pubbliche e governo più democratici. Un’Europa consapevole del suo ruolo nei processi migratori e impegnata nella costruzione di cooperazione e pace.

Il libro si propone di essere una risorsa informativa e di confronto, fornendo un criterio per valutare programmi politici, partiti, candidati e rappresentanti eletti, sia prima che dopo le elezioni. È concepito come uno strumento guida per il monitoraggio civico delle azioni che l’Unione Europea intraprenderà nel prossimo periodo legislativo.

Correlati