risposte al cambiamento

Il progetto T-Factor sperimenta metodi e strumenti per valorizzare i patrimoni culturali delle città promuovendo progetti di rigenerazione urbana multi-stakeholder. Concentrandosi sul tempo che intercorre tra l’approvazione del masterplan e il completamento del cantiere, T-Factor dimostra come gli usi temporanei possono essere straordinarie occasioni di attivazione culturale, sociale ed economica, rendendo la rigenerazione più efficace, resiliente e sostenibile. Con un budget di 8,5 M€, cofinanziato dalla Commissione Europea – Horizon 2020, il progetto comprende 25 partner da 11 paesi europei oltre due da Cina e USA.

Nel partenariato LAMA guida la Transformation Agency che coordina le metodologie di city-making nei 6 interventi pilota nelle città di Londra, Bilbao, Amsterdam, Kaunas, Milano e Lisbona.

Chi sono i partner coinvolti dal progetto:

LAMA, ANCI Toscana, PlusValue, University of the Arts London, Politecnico di Milano, Futuribile, LAND Italia, Espacio Open, TECNALIA, Aalborg University, Friche la Belle de Mai, Waag Society, Kaunas University of Technology, Universidade Nova de Lisboa, Universitat Oberta de Catalunya, City of Bilbao – Bilbao Ekintza, City of Kaunas, TU Dortmund University, Stadt Dortmund, iPropeller, City of Lodz, London Borough of Camden, Kaunas 2022, Università Statale di Milano, Tongji University – College of Design & Innovation.

(Ph: Cortile della Ciminiera di Manifattura Tabacchi, by Niccolò Vonci)

T-Factor

OD&M (Open Design & Manufacturing) è una comunità di pratica internazionale che sperimenta processi di apprendimento esperienziale, distribuito e collaborativo sui temi del design e della manifattura open.

L’obiettivo della piattaforma è quello di innovare i sistemi formativi tradizionali per fare in modo che possano produrre professionisti, conoscenza e sapere in linea con le sfide economiche globali. Grazie a questo progetto triennale, maker, docenti universitari, ricercatori, studenti e imprenditori d’Europa e Cina, hanno sperimentato in prima persona percorsi formativi, eventi tematici e mobilità internazionali che gli hanno consentito di strutturarsi come una community di apprendimento.

Noi, in collaborazione con l’Università di Firenze – DIDA, abbiamo supportato la costruzione di questa community, con strumenti online e offline, contribuito a definire il programma didattico, individuato le challenge pratiche sui cui far lavorare gli studenti e organizzato eventi di diffusione e disseminazione dei risultati raggiunti.

OpenMaker è un progetto Europeo del programma Horizon 2020 che ha come obiettivo il supporto all’ecosistema manifatturiero europeo, mettendo in rete innovatori, makers, imprenditori della manifattura, ricercatori e appassionati di tecnologie, favorendone la collaborazione diffusa. Il progetto ha visto il coinvolgimento di 10 partner operativi, in quattro Paesi europei, Regno Unito, Spagna, Slovacchia e Italia, nodo rappresentato da noi e il Consorzio Topix di Torino.

  • 4 acceleratori in 4 Paesi;
  • più di 100 eventi organizzati in tutta Europa;
  • 137 idee raccolte durante la Call internazionale, 21 di queste premiate con 20mila euro ciascuna;
  • 420mila euro erogati in totale per lo sviluppo delle idee vincitrici;
  • oltre 500 iscritti alla piattaforma.

Nello specifico, attraverso opportunità di ispirazione, networking e formazione finalizzate alla generazione e sviluppo di idee e prototipi innovativi, abbiamo costruito e gestito una community italiana di makers e aziende manifatturiere tradizionali che ha prodotto 10 prototipi innovativi finanziati all’interno della call internazionale.

https://openmaker.eu/