Six innovations for the industry of tomorrow

In che modo far sì che le idee delle persone, degli imprenditori, dei professionisti, dei ricercatori universitari, possano svilupparsi e avere ricadute sul territorio?

OpenMaker, progetto europeo (Horizon 2020) che ha visto il coinvolgimento di quattro Paesi partner (Italia, Spagna, Regno Unito, Slovacchia) e ha promosso l’organizzazione di oltre 100 eventi di networking e matching tra imprenditori, makers e artigiani digitali, molti dei quali si sono svolti ad Impact Hub Firenze, partiva da questa considerazione: l’innovazione non si produce in una caverna, stando chiusi ognuno nel proprio spazio ma, al contrario, nasce esplorando e conoscendo cose anche molto diverse da sé.

Come soggetto capofila di OpenMaker, LAMA ha svolto la funzione di piattaforma per l’accelerazione di contenuti e idee sulla manifattura di domani. Impact Hub Firenze è stato lo spazio dove artigiani tradizionali, titolari di manifatture artigiane (lavorazione del vetro, del legno, della carta, della lana) si sono incontrati con i makers e altri esperti di applicazioni digitali per capire quali potevano essere le innovazioni di processo, prodotto, e servizi da applicare alla propria offerta.

Da questo incontro, sono nati 6 team (imprenditore/maker) che hanno potuto sviluppare il proprio prototipo grazie ad un finanziamento di 20.000 euro ciascuno (per un totale di 21 idee vincitrici e 420.000 euro erogati in Europa).

I 6 TEAM ITALIANI E I LORO PROTOTIPI

  1. Un nuovo filato ricavato dalla lana “grezza” toscana (quella delle pecore allevate per il latte o per la carne) che finora non veniva sfruttata ma anzi smaltita come rifiuto tossico;
  2. Un robot educativo che si comporta come un piccolo animale domestico, anziché come una macchina, e che dunque può essere addestrato dai bambini;
  3. Un trituratore domestico per la plastica con cui produrre direttamente a casa il filamento utile alla stampa 3d;
  4. Modelli di protesi provvisorie in cartone (da inviare nelle zone di guerra o ovunque servano dispositivi sanitari temporanei);
  5. Un sistema rinnovato e digitalizzato per la produzione di modelli (stampi) 3D utili agli artigiani del cristallo per creare nuovi oggetti personalizzati richiesti dal mercato;
  6. Un nuovo processo robotico da applicare all’industria tessile per l’intreccio tridimensionale dei materiali.

Qui il booklet con la descrizione di tutti i prototipi.

Related Post

Insights

The ‘educating community’

The economic crisis of recent years, cuts to social services, and complexity of familial relationships are all weighing on conditions of growth for young people and their future prospects, a situation which is not helped but the stalling of social mobility.

Studies

Care that changes

The concept of ‘collaborative health’ sees people and their ability to take action and collaborate as the main resource for strengthening the health and welfare system, and as a way of responding to current challenges in Italy.